PREMIO SPECIALE

Stefania Adami

Estratto dal lavoro "Adagio Napoletano"- 2022

Il PREMIO SPECIALE "Stefania Adami" nasce per rendere omaggio alla fotografa gallicanese Stefania Adami e alla sua esperienza trentennale nel mondo della fotografia amatoriale.

Nata nel 1962 a Barga, vive da sempre, insieme alla sua famiglia, a Gallicano.

All'età di 11 anni, il padre Renzo Adami (1° presidente della Proloco di Gallicano) le regala la sua prima fotocamera Olympus con la quale, da autodidatta, comincia un lungo percorso di formazione. Nel 1995 diventa socia del Circolo Fotocine Garfagnana e della Fiaf (Federazione Italiana Associazioni Fotografiche).

La sua passione per il reportage la porta a sperimentare la sua fotografia in giro per il mondo; del 2003 è il lavoro fotografico "Sale nero" reportage prodotto con il fratello Italo Adami, realizzato su pellicola e stampato su carta barricata. L’opera mostra il duro lavoro che le popolazioni del Senegal, nel distretto di Rufisque, deve affrontare per estrarre l’importante minerale dal fondo del lago Reba (o Lago Rosa), uno dei laghi più salati del mondo.

Affacciandosi con successo al mondo dei concorsi fotografici in pochi anni riesce ad ottenere cinquanta premi in concorsi nazionali ufficiali, ricevendo, sempre nel 2003, il riconoscimento di Afi (Artista Fotografo Italiano).

Numerose le mostre personali e collettive in tutta Italia, le pubblicazioni su libri fotografici e periodici a tiratura nazionale e la partecipazione a tavole rotonde ed a serate ad invito.

Nel 2022 vince il premio Fosco Maraini per il reportage e raggiunge ancora la finale di Portfolio Italia con il lavoro "Adagio Napoletano", che si classifica al secondo posto ex-aequo; un lavoro, quest'ultimo, realizzato nei Quartieri Spagnoli napoletani dove emerge la passione dell'artista per quell'umanità nascosta, ancora incontaminata e piena di vita che si trova solo a pochi passi dalla famosa e affollata via Toledo. 

Il 2023 è l'anno del riconoscimento MFI (Maestra della Fotografia Italiana).

L'onorificenza MFI è significativa ed è stata assegnata, negli anni, ad un ristretto numero di persone tra cui pochissime donne, come Giuliana Traverso, Chiara Samugheo, Lisetta Carmi e Antonella Monzoni; si tratta del riconoscimento più alto assegnato dalla Federazione che raggruppa le associazioni fotografiche italiane.

Come afferma Fulvio Merlak nella presentazione di "Una privata consapevolezza": “Le foto di Stefania sono …Stefania stessa. Sono il suo dentro e il suo fuori. Sono l’aspetto visibile della realtà, ma nel contempo sono anche il suo sentire, il suo pensare, il suo volere; sono le sue emozioni, i suoi affetti, le sue passioni, i suoi sentimenti, i suoi stati d’animo e tanto altro ancora”.

Siamo orgogliosi di presentare questo PREMIO SPECIALE dedicato ad una nostra compaesana che ha contribuito a far diventare Gallicano GRANDE nel mondo della fotografia amatoriale!


I lavori fotografici dell'Edizione 2023 saranno giudicati personalmente da Stefania Adami. 

Estratto dal lavoro "Sale nero" - 2003